23 settembre 2017 inaugurazione del Centro di volontariato Comunale e dello Studio medico Solidale

Inaugurazione del CENTRO DI VOLONTARIATO COMUNALE e dello STUDIO MEDICO SOLIDALE

sabato 23 settembre 2017 alle ore 10.00 In via San Quirino, 5 – Pordenone

PROGRAMMA
09.45 Ritrovo presso il Centro associativo di Via S. Quirino, 5 a Pordenone
10.00 Indirizzo di saluto e presentazione del Centro a cura Assessore Eligio GRIZZO
10.15 Saluti del Sindaco della città di Pordenone Alessandro CIRIANI
10.30 Saluto del Presidente della Fondazione BCC PN Giancarlo ZANCHETTA
10.40 Saluto del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri – PN Guido LUCCHINI
10.50 Taglio del nastro inaugurativo
11.00 Visita allo Studio Medico Solidale e alle sedi delle Associazioni
11.15 «Vin d’honneur»

Fondazione BCC Pordenonese Il Presidente Giancarlo ZANCHETTA
L’Assessore alle Politiche Sociali Eligio GRIZZO
Il Sindaco Alessandro CIRIANI

cliccare quì per visualizzare l’invito

ripresa attività e nuovo indirizzo

Siamo liete di segnalare che martedì 12 settembre riapriremo la segreteria con i soliti orari: martedì e venerdì dalle ore 16 alle ore 18 e mercoledì dalle ore 10 alle ore 12
La nostra nuova sede si trova in
VIA SAN QUIRINO, 5 – PORDENONE – Tel/fax 0434 40729
Inoltre riprenderanno le attività e i servizi sospesi per le ferie estive:

- Linfodrenaggio e pressoterapia martedì e venerdì
- Incontro mensile con la psicologa secondo martedì del mese
- Laboratorio occupazionale giovedì

Sono aperte le iscrizioni per i corsi di Attività Motorie per l’anno 2017/2018 Vi aspettiamo numerose !
clicca quì per visualizzare le attività motorie

Mondiali di Dragon Boat Venezia 2017

articolo tratto da http://www.tuttopordenone.com/altri-sport/mondiali-di-dragon-boat-venezia-2017-la-squadra-pordenonese-10322
Mondiali di Dragon Boat Venezia 2017 La squadra pordenonese

Sono passati anni da quando Mauro Baron e Graziella Biasiato, responsabili del Gruppo Kajak e Canoa Cordenons Libertasrimasero affascinati dalla distesa di maglie rosa che gareggiavano ai Campionati Mondiali di Dragon Boat sul mare australiano.
L’idea che in quel momento iniziò a solleticare le loro menti è finalmente divenuta una realtà: Pordenone ha una squadra completa di Donne in Rosa che parteciperà ai mondiali in programma a Venezia dal 3 al 8 settembre.
Il progetto Donne in Rosa – Canoa, appoggiato dal Centro Provinciale Libertas di Pordenone, che ha portato inizialmente sui kajak, poi sulle canoe, per finire sull’imbarcazione a 20 posti con timoniere e tamburo (il dragon boat appunto), ha preso materialmente corpo ad aprile 2016, quando Mauro Baron incontrò Renza Zanon, allora presidente dell’ANDOS (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) Pordenone, per iniziare un’attività canoistica sul Lago della Burida.
Da quella primavera ad oggi, decine di “donne in rosa” sono salite sulle canoe, divertendosi, appassionandosi e condividendo le proprie emozioni con il gruppo, diventato sempre più coeso.
Il progetto è stato reso possibile dalla convenzione fra il Gruppo FRI-EL che ha concesso l’utilizzo dell’area del Lago Burida al Comune di Porcia, che a sua volta lo ha girato alla Libertas Provinciale. Quest’ultima ha istituito la Scuola Nazionale Libertas di Canoa “Barbara Nadalin” gestita da Mauro Baron. Fondamentale è stato il supporto del Rotary Club Pordenone Alto Livenza e dell’azienda Palazzetti che hanno contribuito all’acquisto ed all’istallazione del nuovo pontile, permettendo ai canoisti di entrare in acqua in tutta sicurezza. è stato ottenuto il patrocinio dai Comuni di Porcia, di Pordenone, dal CRO di Aviano e dall’ASSL5.
Uno staff di prim’ordine assiste e arricchisce il progetto, al fine di misurare scientificamente i benefici ottenuti dalle donne grazie all’attività con la pagaia. Il dott. Alberto Onorato, medico fisiatra specializzato in linfedema, Roberta Leorin, docente di scienze motorie e riflessologa, che propone esercizi di defaticamento dentro e fuori la barca, e la psicologa Elisa Scian, che grazie alle molteplici esperienze acquisite in diversi settori ha sviluppato competenze specifiche nell’assistenza e nel sostegno psicologico di pazienti oncologici dei loro familiari.
A maggio di quest’anno la svolta. Mauro e Graziella hanno deciso di acquistare a proprie spese, con il sostegno della Fondazione Friuli e diversi privati, il dragon boat su cui le donne in rosa hanno iniziato ad allenarsi assiduamente, rafforzando lo spirito di squadra e quello agonistico, che le accompagnerà a settembre nella competizione mondiale.
Le gare delle donne in rosa sono in programma il 5, il 6 e l’8 settembre. Le prime due gare si disputeranno sulla distanza dei 500m presso il Tronchetto. L’ultimo giorno si svolgerà la gara lunga sui 2.000m alla Baia dell’Arsenale.
«La prospettiva del campionato mondiale ha fatto nascere nelle donne l’orgoglio di lavorare con ancora più assiduità per dare il meglio di sé – ha commentato Renza Zanon, responsabile ANDOS del progetto e Team Leader – La squadra continua a condividere dubbi e timori della propria vita privata, ed hanno piacere di passare del tempo insieme prima e dopo l’allenamento. Quando però si sale sulla barca, non esiste altro. Tutte lasciano da parte i propri problemi per concentrarsi completamente sull’obbiettivo comune e si ritagliano uno spazio in cui la malattia non è il pensiero principale. Anche questo è un risultato importante».
«Le donne sono agguerrite. – Ha dichiarato Mauro Baron, che salirà sul Dragon Boat con le donne in qualità di timoniere – Hanno trovato nella canoa un buon motivo per muoversi, e non solo fare riabilitazione, ma riappropriarsi del piacere di vivere in movimento. – Ed aggiunge – Per quanto riguarda l’aspetto puramente agonistico, l’obiettivo cui puntiamo è dare il 100%, mettendo in gioco il massimo del potenziale senza farsi condizionare da imput negativi, disturbi e distrazioni. Lo sport allena alla vita. Se il gruppo impara dallo sport a mirare dritto all’obiettivo senza condizionamenti, questo può diventare un’arma in più per vincere la battaglia più importante, quella contro il cancro».
L’equipaggio al completo è formato da: Miriam Gianessi, Anna Maria Polles, Cecilia Ivan, Giovanna Favret, Nataliya Golinkp, Antonella Scapin, Maida Lazzarin, Annunziata Riccio, Giuliana Fabbri, Sara Manfè, Mirella Burel, Elisabetta Imelio, Lucia Bertoldo, Laura Favot, Valentina Tuni, Paola Raengo, Sandra Varaschin, Paola Trevisan, Erika Serchmova, Silvia Zaccarin, Franca Bernardin, con Mauro Baron timoniere. Team Leader: Renza Zanon. Coach: Graziella Biasiato.

———————————————————————————————————————-
CLAMOROSO RISULTATO MEDAGLIA D’ ARGENTO PER LE DONNE IN ROSA: copia e colla questo link per visualizzare l’articolo e le foto:

http://www.tuttopordenone.com/altri-sport/mondiali-di-dragon-boat-venezia-2017-un-argento-per-pordenone-10412

stiamo traslocando…

Quando riprenderemo i servizi e le attività a settembre ci troverete in
Via San Quirino, n. 5 – Pordenone.
Buona Estate!

grazie a “Talent’s angel”

L’ANDOS onlus di Pordenone ringrazia pubblicamente TALENT’S ANGEL Soc. Coop. per il generoso contributo che ci permette di continuare ad offrire i nostri servizi alle signore che hanno subito un intervento di tumore al seno.

Ringraziamento alla ditta Friul Intagli

L’A.N.D.O.S. Onlus di Pordenone ringrazia pubblicamente la ditta FRIUL INTAGLI di Villanova di Prata per la cospicua elargizione. Il contributo ricevuto ci permette di garantire la continuità dei servizi offerti alle donne operate di tumore al seno e di affrontare con fiducia e serenità gli impegni futuri.

“Magraid correndo nella steppa”

10° edizione di M A G R A I D correndo nella steppa – venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 giugno.

L’evento è stato organizzato da A.S.D. TRIATHLON TEAM (Associazione Sportiva Dilettantistica) . La manifestazione si articola con 3 livelli di difficoltà: Magraid Km. 100 riservato agli atleti – Marauder per militari – Magrave Km 6 o 12 per coloro che vogliono camminare in mezzo alla natura in un paesaggio speciale.

Ogni anno, all’interno della manifestazione, l’associazione A.S.D Triathlon Team avvia una raccolta fondi per un’associazione di volontariato. Quest’anno la raccolta fondi “Charity 2017” è destinata all’A.N.D.O.S. Onlus Comitato di Pordenone.

Magrave: la Corsa, Marcia, Camminata , Nordic Walking nella steppa dei Magredi del Cellina – Meduna si terrà

sabato 17 giugno 2017 alle ore 18

Sarà una bella occasione per formare un numeroso gruppo “A.N.D.O.S.” di socie, simpatizzanti, famigliari e amici e ravvivare i colori della steppa con le nostre magliette fucsia !!

Iscrizioni singole, anche il giorno della camminata. (€ 2,00 tesserati FIASP – € 2,50 non tesserati)

In alternativa per formare il “Gruppo A.N.D.O.S.” dare l’adesione via mail a: info@andospn.it con i dati anagrafici dei partecipanti (nome, cognome e data di nascita) necessari per la formalità assicurativa entro lunedì 12 giugno . La quota di iscrizione verrà raccolta dalle nostre volontarie il 17 giugno dalle ore 17 sul luogo della partenza: località Parareit Cordenons, dove saremo presenti con un gazebo e materiale illustrativo per far conoscere l’Associazione .

Vi aspettiamo numerosi.

5 giugno 2017 incontro formativo “ATTIVITA’ MOTORIE E RIABILITAZIONE”

il giorno 5 giugno 2017 dalle 17,30 alle 19,30 nella Sala Consiliare della Provincia Largo S.Giorgio, 12 Pordenone
si terrà un incontro formativo ATTIVITA’ MOTORIE E RIABILITAZIONE

RIABILITAZIONE
Informazioni pratiche sulle attività e sugli esercizi più indicati al ripristino del braccio e della spalla dopo un intervento chirurgico per quadrantectomia o mastectomia, in seguito alle cure chemio-radio terapiche e dopo un intervento di ricostruzione del seno.
La riabilitazione e la ginnastica raccomandata nel trattamento e nella cura dei linfedema
a cura del Dott. Alberto Onorato Medico Chirurgo Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

ATTIVITA’ MOTORIE
Introduzione alle attività motorie organizzate dall’ANDOS Onlus-periodo set. 2017 giu.2018

13 maggio 2017 “La chirurgia del Linfedema”

13 maggio 2017
L’ Associazione Lotta al Linfedema, i Comitati A.N.D.O.S. Onlus di Codroipo, Pordenone e Tolmezzo organizzano
un Convegno “ LA CHIRURGIA DEL LINFEDEMA”
Villa Manin Passariano – Udine dalle ore 8,30 alle 12
Programma
moderatore: Prof. Fabio Puglisi
8,30 Registrazione
8,45 Saluto delle Autorità
9,10 Il linfedema Dr. Alberto Onorato
9,30 L’organizzazione delle cure del linfedema: Dr. Christian Ure
10,00 Il ruolo della linfoscintigrafia nella diagnosi delle alterazioni circolatorie linfatiche Dr. Michele Povolato
10,20 Il trattamento ricostruttivo dei linfatici Dr. Alessandro Busetto
11,10 La liposuzione nel trattamento del linfedema inveterato Dr. Marco Rivilli
11,30 Dibattito

ingresso libero, prevista registrazione in loco

25 marzo 2017 inaugurazione pontile lago della Burida

Inaugurazione nuovo Pontile Lago della Burida: Una svolta epocale 25-03-2017

Donne in rosa
Tutte le cariche istituzionali erano presenti all’inaugurazione del nuovo pontile al Lago della Burida, che ha sancito una svolta epocale nella valorizzazione di una risorsa del nostro territorio tanto preziosa quanto misconosciuta.
Oggetto di un’infinita serie di progetti mai portati a termine, finalmente il Lago della Burida compie il passo decisivo, grazie alla perfetta convergenza di intenti fra le diverse parti, la FRIEL proprietaria del lago, il comune di Porcia, il comune di Pordenone, la Libertas Provinciale di Pordenone, il Gruppo Kajak e Canoa Cordenons, l’associazionismo locale, il Rotary Club Pordenone Alto Livenza.
Il nuovo pontile, che permetterà ai canoisti di entrare in acqua in tutta sicurezza, apre nuove possibilità alla Scuola Nazionale Libertas di Canoa “Barbara Nadalin”, che, istituita sulle rive del lago poco più di un anno fa con la costruzione della casetta di legno ad uso deposito canoe e uffici, è già partita con il progetto in corso “Donne in rosa” in collaborazione con l’ANDOS di Pordenone ed entrerà presto a regime con la paracanoa, rivolta ai diversamente abili.
I numerosi interventi, presentanti dalla brillante “donna in rosa” Sandra Varaschin, sono stati aperti dal padrone di casa Ivo Neri, presidente del Centro Provinciale Libertas di Pordenone, che ha ringraziato il Rotary Club, la ditta Palazzetti e Sina per il Sociale, che hanno reso possibile la realizzazione di qesto ambizioso progetto.
Mauro Baron, presidente della Scuola Nazionale di Canoa, nonché tecnico della nazionale azzurra alle ultime tre olimpiadi, ha dato un assaggio delle numerose attività svolte dall’associazione in questo anno di attività e dei progetti già in cantiere, come lo sviluppo della motricità nelle scuole dell’infanzia.
«Un bel traguardo raggiunto, – ha commentato il sindaco di Porcia Giuseppe Gaiarin, accompagnato dall’assessore allo sport Martina Zanetti, cui è spettato l’onere e l’onore di tagliare il nastro – sia per la valorizzazione di una risorsa strategica al centro dei comuni di Porcia e di Pordenone, sia per le attività meritorie svolte dalla Scuola Nazionale di Canoa, possibili grazie alla convenzione decennale stipulata con la proprietà del lago, che potrà essere rinnovata per altri 10 anni, e al supporto anche dell’Associazione Lago della Burida. – E conclude – Quando ci si mette assieme, si ottengono sempre grandi risultati».
Gli ha fatto eco l’assessore allo sport del comune di Pordenone Walter De Bortoli: «L’impegno delle associazioni ci permette di valorizzare le bellezze del nostro territorio. L’amministrazione comunale di Pordenone è molto sensibile a queste tematiche, infatti è già oggetto di studio una pista ciclo-pedonabile che possa collegare la Burida all’imbarcadero del fiume Noncello».
Ha portato i saluti del presidente della Libertas Nazionale Luigi Musacchia il consigliere nazionale Edoardo Muzzin, ricordando quanto la provincia di Pordenone sia un’eccellenza per la quantità e la qualità delle iniziative intraprese, paragonabili a quelle di centri molto più grandi come Roma e Torino.
Il dott. Massimo Battistella, presidente del Rotary Club Pordenone Alto Livenza, ha ribadito l’entusiasmo dell’associazione nell’aderire a questo progetto a lungo caldeggiato.
Allo stesso modo, Samantha Sina ha sottolineato l’interesse della famiglia e della SINA per il Sociale a sostenere importanti proposte finalizzate alla rivalutazione del territorio.
Prima della presentazione delle “Donne in Rosa”, a cura di Renza Zanon, storica presidente dell’ANDOS di Pordenone, che ha spiegato il potenziamento del progetto, grazie alla collaborazione del CRO di Aviano, dell’Azienda Sanitaria, e del medico fisiatra Alberto Onorato, è intervenuto il vicepresidente della regione Sergio Bolzonello, che ha portato i saluti di tutta l’amministrazione regionale.
Intervenuti alla cerimonia del taglio del nastro anche l’assessore allo sport del comune di Cordenons Lanfranco Lincetto, il vice direttore del CRO di Aviano dott. Diego Serraino, il presidente del Comitato Regionale CIP Friuli Venezia Giulia Marinella Ambrosio, il presidente dell’Associazione Lago della Burida Ido Danilo Zoat, la segretaria direzione scientifica dott. Lollo, il consigliere regionale Luca Ciriani e Chiara Da Giau, il Consigliere comunale di Pordenone Giovanna Favret, e, testimonial d’eccezione, Luciana Moro, madre della prematuramente scomparsa atleta olimpionica Barbara Nadalin, cui è intitolata la Scuola Nazionale di Canoa che ha dato il via alla rinascita del Lago della Burida.